Salta al contenuto
Cucinare a induzione: trucchi e consigli

Cucinare a induzione: trucchi e consigli

Per la prima volta hai abbandonato il gas a favore dell'induzione? Ecco alcune cose da sapere per dare il meglio di te in cucina con il tuo nuovo piano a induzione.

Piano a induzione: cose da sapere e suggerimenti per l'uso quotidiano

Sebbene il primo approccio possa essere disorientante, puoi stare tranquillo: vedrai quante soddisfazioni trarrai dal cucinare con l'induzione! Non è un caso che oltre l'80% di chi dice addio al gas dichiara che non tornerebbe più indietro: come dargli torto?

Tuttavia, come per ogni cambiamento, è necessario un primo periodo di adattamento. Ecco allora alcuni nostri consigli (e qualche piccolo trucco) per abituarti presto e... iniziare a divertirti alla grande con il tuo nuovo piano cottura!

1) Usare le pentole normali sull'induzione: si può?

Innanzitutto un doveroso chiarimento legato alla tua attuale dotazione di pentole e padelle.

Non tutte le pentole che normalmente usavi sui fornelli a gas vanno bene per i piani a induzione. Per approfondire questo argomento leggi il nostro articolo "Addio gas? Scopri se le pentole normali vanno bene per l'induzione".

2) Pulire la superficie senza graffiarla

Sebbene offra tanti vantaggi, il piano cottura a induzione è molto sensibile ai materiali abrasivi. Per questo ti consigliamo di pulirlo con semplice acqua insieme a un panno morbido. In presenza di sporco persistente puoi usare gli appositi kit in commercio oppure avvalerti di uno spray multiuso ad azione specifica per le piastre in vetro.

3) Imparare i tempi della cottura a induzione

Con l'induzione i tempi di cottura si riducono di molto rispetto a quanto accade con fornelli a gas. Lo puoi vedere dal tempo di ebollizione dell'acqua della pasta, con l'induzione attorno ai 2 - 3 minuti massimo.

All'inizio ti ci vorrà un pochino per abituarti alle nuove tempistiche, ma poi ne sarai felicissimo.

4) Gestire la bollitura 

Una volta che hai buttato la pasta devi stare attento poiché con l'induzione l'acqua torna presto ai massimi livelli di bollitura e dunque potrebbe fuoriuscire dalla pentola. Se per portare l'acqua in ebollizione avevi impostato la massima potenza, quando getti la pasta ti suggeriamo di abbassare il settaggio a 6 per poi rialzarlo poco dopo a 7.

NB: esistono in commercio piani a induzione intelligenti, dotati di sensore che percepisce le vibrazioni della bollitura dell'acqua e regolano in automatico il calore.

5) Mantenere costante la temperatura

Alcuni modelli di piastre a induzione hanno un'impostazione specifica che consente, una volta raggiunta la temperatura desiderata, di mantenerla costante fino alla fine della preparazione. Un'opzione molto utile ad esempio quando si cucinano stufati, brasati e pietanze dalla lunga cottura.

6) Fare attenzione agli oggetti in plastica

La piastra a induzione a volte "inganna" poiché rispetto al gas non ci si scotta. Sebbene infatti sia la pentola a scaldarsi, anche il piano acquisisce calore e rimane tiepido per qualche momento. Sconsigliamo dunque di appoggiare utensili o recipienti in plastica sulla piastra ancora calda poiché potrebbero fondersi e rovinare irrimediabilmente il tuo piano cottura.

7) Utilizzare programmi automatici (se disponibili)

Vi sono modelli di piani a induzione dotati di programmi automatici a seconda del cibo che si sta cucinando. Queste impostazioni permettono non solo di cucinare al meglio la pietanza con la possibilità nel frattempo di dedicarsi ad altro, ma anche di risparmiare tempo ed energia elettrica. E potrai agire in modo ancora più sostenibile!

Hai altri suggerimenti da condividere con la nostra community per ottimizzare la cucina su piano a induzione? Lascia la tua opinione sulle nostre pagine Facebook e Instagram.

Prossimo Articolo Ricetta verdure estive al forno: goditi il vero sapore!
Italiano
Italiano