Skip to content
5 motivi per non lavare in lavastoviglie le pentole antiaderenti

5 motivi per non lavare in lavastoviglie le pentole antiaderenti

Finalmente sei riuscito ad arricchire la tua cucina con quelle meravigliose pentole antiaderenti a lungo desiderate. Che eccitazione: puoi liberarti per sempre dalle padelle ormai rovinate e tornare a divertirti ai fornelli con ricche soddisfazioni.

Ma come preservare al meglio queste insostituibili alleate domestiche? La domanda che in tanti ci pongono è: le pentole antiaderenti vanno lavate in lavastoviglie

Uomo che mette piatti in lavastoviglie

La risposta è NO! Ecco perché.

Pentole antiaderenti in lavastoviglie? Le ragioni del NO 

Sei abituato a lavare le pentole antiaderenti in lavastoviglie? Tranquillo, non sei il solo! Vuoi per abitudine, vuoi per comodità, siamo ancora in tanti a pensare che il lavaggio automatico sia la soluzione perfetta per il nostro pentolame.

In realtà ci sono poche e semplici ragioni perché le pentole antiaderenti non andrebbero lavate in lavastoviglie:

  1. Una pentola antiaderente di buona qualità è molto più facile e veloce da pulire a mano: bastano acqua calda o tiepida, una spugna liscia, un goccio di detergente delicato (se necessario) e un panno per asciugare, e il gioco è fatto. Scopri come pulire le pentole antiaderenti in 5 mosse;
  2. Il rivestimento antiaderente si mantiene intatto più a lungo: il calore dell'acqua e del vapore e l'uso di detergenti aggressivi potrebbero accelerare il processo di deterioramento del rivestimento antiaderente, con conseguente rilascio di eventuali sostanze tossiche (Teflon, PFOA, PFAS, Nichel, altri metalli pesanti...) molto pericolose per la salute;
  3. Accidentali contatti con altre stoviglie potrebbero scalfire la superficie della pentola e, peggio ancora, del rivestimento antiaderente. Con un doppio effetto indesiderato: una pentola antiestetica e allo stesso tempo dannosa per l'organismo;
  4. Soprattutto in pentole di bassa - media qualità, ripetuti lavaggi ad alte temperature spesso causano la deformazione di componenti in plastica, ad esempio il manico. Questo rischio è assai ridotto nel lavaggio a mano, dove la temperatura dell'acqua è decisamente più bassa;
  5. Le pentole occupano molto spazio all'interno della lavastoviglie, portandoti ad aumentare notevolmente la frequenza dei cicli di lavaggio e, di conseguenza, dei consumi di acqua ed elettricità.

Vuoi andare sul sicuro? Scegli Linea Smeralda, la prima gamma di pentole e padelle antiaderenti alta qualità senza teflon realizzate in Italia. Ti consigliamo di lavarle a mano, ma in ogni caso puoi stare tranquillo: i nostri prodotti non contengono sostanze cancerogene!

Primecook - pentole italiane senza teflon

Per qualsiasi informazione e ordini in grandi quantitativi contattaci.

Previous article Eleganza e sapore in tavola con la parmigiana di melanzane
Next article Ricetta: purea di patate, porri e cavolfiori
English
English